immagine

Dal 2001 ad oggi oltre 205 milioni di euro al servizio dello sviluppo della società

La Fondazione sostiene lo sviluppo sociale del territorio di riferimento con i redditi derivanti dal proprio patrimonio.
La missione prevista dalla legge di perseguire fini di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico si realizza intervenendo nei settori rilevanti statutariamente previsti tra quelli ammessi dalla legge dell' “Arte, attività e beni culturali”, del “Volontariato, filantropia e beneficenza” e della “Ricerca scientifica e tecnologica”.
A favore di tali settori nel primo quadriennio di attività (2001-2004) sono state deliberate erogazioni per complessivi 28 milioni di euro, a cui si sono aggiunti i circa 42 milioni di euro del secondo quadriennio (2005-2008), i 49 milioni di euro del quadriennio 2009-2012 ed ulteriori
46 milioni nel quadriennio 2013-2016.
Con i 34 milioni di euro messi a disposizione nell'ultimo triennio (2017-2019) la Fondazione conferma ulteriormente il suo impegno a favore della città di Pisa e del proprio territorio di riferimento.
 
Dalla sua nascita ad oggi la Fondazione Pisa ha contribuito alla trasformazione dei progetti in investimenti per la collettività per oltre 205 milioni di euro complessivamente.

Per ciascuno dei tre predetti settori rilevanti previsti dallo Statuto, negli ultimi 10 anni di attività, la Fondazione ha inoltre istituito un apposito ente di scopo, rispettivamente:
1.    per il settore “Arte, attività e beni culturali”, la Fondazione Palazzo Blu per la promozione dell'arte e della cultura a Pisa mediante l’organizzazione di attività espositiva e culturale presso l’omonimo palazzo;
2.    per il settore “Volontariato, filantropia e beneficenza”, la Fondazione Dopo di Noi a Pisa ONLUS per l’assistenza residenziale e semiresidenziale a disabili gravi;
3.    per il settore “Ricerca scientifica e tecnologica”, la Fondazione Pisana Scienza ONLUS per lo sviluppo della ricerca scientifica di alto livello in campo biomedico.

 

 

 

 

 

 

Arte, attività e beni culturali

Seleziona un anno:

Arte, attività e beni culturali - Progetti finanziati nell'anno 2002


Museo della Conceria

  • Beneficiario: Comune di Santa Croce sull'Arno
  • Importo: 154.938,00

Restauro di una vecchia conceria dismessa nel Comune di Santa Croce sull’Arno, di proprietà dell’amministrazione comunale, all’interno della quale è stato allestito il museo ricostruendo il ciclo produttivo tipico dell’epoca pre-industriale e esponendo utensili e macchinari usati nelle varie epoche. Nell’area attigua degli ex macelli comunali sono stati poi recuperati edifici esistenti e realizzati nuovi spazi espositivi destinati a mostre temporanee, servizi museali e spazi pubblici all’aperto, che contribuiscono alla riqualificazione urbanistica dell'intera area.

Restauro della Chiesa della SS. Annunziata a Capannoli

  • Beneficiario: Parrocchia Santissima Annunziata di Capannoli
  • Importo: 77.468,00

Manutenzione straordinaria e restauro delle parti in pietra serena all’esterno della Chiesa e degli stucchi settecenteschi dell’interno.

Palazzo Pretorio di Vico Pisano

  • Beneficiario: Comune di Vicopisano
  • Importo: 85.216,00

Restauro degli affreschi di Palazzo Pretorio a Vico Pisano, storico edificio di origine trecentesca, antica sede del potere politico e giudiziario dei Vicari.

Certosa di Calci - Restauro del cortile d’onore

  • Beneficiario: Soprintendenza di Pisa
  • Importo: 167.590.50

Restauro del cortile d’onore della Certosa, complesso di notevole valore storico, architettonico e artistico, che aveva avuto avvio nel 2001 con il restauro della facciata della chiesa conventuale.

San Michele in Borgo - Restauro della facciata orientale

  • Beneficiario: Parrocchia di San Michele in Borgo a Pisa
  • Importo: 110.213,08

L'intervento di restauro ha riguardato la facciata orientale della chiesa, risalente al XIII secolo ma che ha subito alcune alterazioni architettoniche nel XVI secolo a causa dell’erezione del convento dei Camaldolesi, che ha provocato la modifica del finestrone principale e di altre parti del perimetro absidale.

Cimabue a Pisa - Pittura pisana tra Giunta e Giotto

  • Beneficiario: Soprintendenza di Pisa
  • Importo: 50.000,00

La mostra si è tenuta nel Museo Nazionale San Matteo ed è stata l’occasione per presentare i risultati scientifici cui si è pervenuti in venti anni di ricerche e di campagne di restauri correlati. La Fondazione ha partecipato alla realizzazione della mostra, contribuendo al restauro di alcune importanti opere d’arte tra quelle esposte.

Sostegno dei Navicelli - Restauro

  • Beneficiario: Comune di Pisa
  • Importo: 350.675,00

Il progetto proprio della Fondazione è stato varato per recuperare un complesso monumentale di grande rilievo storico e ambientale. Il piano di recupero ha previsto il consolidamento della struttura, la ricostruzione della copertura, la bonifica dell’area circostante e la realizzazione di un Memoriale dedicato ai caduti del bombardamento del 31 agosto 1943 con raccolte di testimonianze da persone coinvolte nel tragico evento.

Vicopisano - Associazione di Promozione Sociale 'Il Borgo Murato'

  • Beneficiario: Associazione di Promozione Sociale Il Borgo Murato
  • Importo: 20.000,00

Iniziativa volta al recupero dell’intero complesso architettonico, storico e urbanistico di Vicopisano, al fine di agevolarne la valorizzazione e lo sviluppo della vocazione turistico – culturale. A tal fine la Fondazione e il Comune di Vicopisano hanno dato vita all’Associazione di Promozione Sociale denominata “Il Borgo Murato”.

Pieve di San Casciano

  • Beneficiario: Parrocchia di San Casciano a Cascina
  • Importo: 230.000,00

Pulitura, restauro e consolidamento del paramento lapideo della facciata della pieve ed in particolare degli elementi scultorei attribuiti a Biduino.

Palazzo Giuli Rosselmini Gualandi - Restauro

  • Beneficiario: Fondazione Pisa
  • Importo: 516.456,90

L'attuale complesso edilizio denominato Palazzo Giuli Rosselmini Gualandi comprende, oltre alla struttura del primitivo Palazzo Dell’Agnello, altre unità abitative annesse nel corso dei secoli. Il restauro della dimora nobiliare ha conservato le caratteristiche storiche: al suo interno sono stati individuate sale espositive per le opere d’arte della collezione della Fondazione, un auditorium, sale per esposizioni temporanee, oltre alla sede della Fondazione.

1 | 2 | 3 | 4 - 36 risultati totali

Novità

16 marzo 2020

Avvisi 2020 Proroga termine presentazione progetti 2020

Scadenza al 30 aprile 2020
13 marzo 2020

Emergenza Coronavirus: la Fondazione Pisa ed il Comitato di Pisa della Croce Rossa Italiana

La Fondazione Pisa sostiene il Comitato di Pisa della Croce Rossa Italiana impegnato in prima...
12 marzo 2020

Ai Soci della Fondazione

Annullata l'Assemblea del 20 marzo p.v.