La Fondazione Pisa » Fonti normative » La nascita delle fondazioni bancarie

Fonti normative:

La nascita delle fondazioni bancarie

All'inizio degli anni Novanta è emersa dunque la necessità di trasformare l'intero sistema bancario italiano per aggiornarlo rispetto alla cosiddetta «unità economica europea» che si va delineando. L'Italia doveva affrontare l'apertura dei propri mercati ai partner europei. All'epoca, più della metà degli enti creditizi era di diritto pubblico.

Il Governatore della Banca d'Italia (Carlo Azeglio Ciampi) trovò la soluzione per rendere le banche più appetibili per gli investitori stranieri: separare in due diverse entità le funzioni di diritto pubblico dalle funzioni imprenditoriali, cioè scorporare le fondazioni dalle banche ex pubbliche (s.p.a.): la legge-delega Amato-Carli n. 218 del 1990 dispose che gli enti bancari diventassero società per azioni, sotto il controllo di fondazioni, le quali successivamente avrebbero dovuto collocare le proprie azioni sul mercato.

Novità

16 gennaio 2018

Contributi della Fondazione Pisa alle Attività Culturali per l’anno 2018

Contributi per progetti specifici e sostegno istituzionale
5 dicembre 2017

Al via un nuovo progetto del CNR volto a contrastare il decadimento cognitivo nell’anziano

La palestra della mente contro l’invecchiamento cerebrale